What is a personal driver or NCC for Italy?

15/10/2021 Da News Commenti Disabilitati

What is a NCC or Personal Driver?

In Italy, NCC means Personal Driver

The main function of the Personal Driver is to provide transportation to passengers from one place to another. It is essential that they guide passengers safely, comfortably and professionally, while simultaneously keeping track of navigation, traffic and times.

Personal Drivers can work for an agency, a company or an individual. They use their own vehicle or one provided by their employer and must respond to the wishes and needs of both customers.

Why book a Personal Driver (or NCC)?

To and from the airport

The main reason why you book a car rental service with a private driver today is to go to the airport. It is a fundamental service that allows you to always be on time. This aspect is essential when you have to travel because no one is going to stay on the ground and miss the flight. Even those who land and want to go home, book an NCC because the most reliable and safe service there is, without having to rely on taxis and metro systems that are now outdated and with very few certainties.

For ceremonies

Many times the Personal Driver service is required to participate in various kinds of ceremonies. Expensive spouses require a rental car with a private driver because it is the easiest and simplest way to arrive in style. The bride and groom’s car must be luxury and thanks to the private driver, no one is forced to give up the ceremony to carry out this task. Even the parents of the spouses often request a ncc service but also friends and other relatives. In general, whenever there is a ceremony, you can request this valuable service which is perfect and affordable for everyone. You can also book vehicles with more seats than a simple car so that it is possible to travel in small groups of people.

To get around the city

Personal Driver is available in whichever case you want. Whatever the individual need, you can always call to book a rental car with its driver so you can have access to a series of unmissable benefits. Those who have to move around the city with a certain style, without deceptions and without delays, must rely on this service which is the absolute number one.

what is a NCC

What Are the Duties of a Personal Driver?

Duties and responsibilities of the driver

In order to ensure the satisfaction of their passengers, personal drivers must drive safely, provide a comfortable environment inside the car and move from one place to another as efficiently as possible. We have analyzed a number of online vacancies to identify these key Personal Driver duties and responsibilities.

  • Know the places and the streets
    An essential component of a personal driver’s job is getting to your destination while minimizing the risk of making a mistake. To ensure this, NCCs (or personal drivers) must always plan routes, take note of possible detours and monitor the severity of traffic. Although a number of modern technologies can help with this, a Personal Driver must still strive and research to ensure that driving is as smooth and fast as possible.
  • Being able to communicate with customers
    The behavior of a NCC must always be impeccable. This means that depending on the passenger, the driver must always be kind and smiling throughout the journey and know how to adapt to the customer’s character. In addition, this job allows you to work with people of any nationality, so it is important to know at least a little English, in order not to risk having difficulties in understanding the needs of the passenger.
  • Vehicle maintenance
    Regardless of whether they use their own car or a car provided by their employer, private drivers are responsible for making sure both the interior and exterior of the car are always clean and aesthetically appealing. This may involve polishing the exterior, cleaning interior surfaces, or regularly spraying air freshener between trips. Equally important, if not more, is the maintenance of machinery and vehicle components. Constantly checking the fuel and engine gauges, taking the vehicle for routine maintenance and promptly addressing any problems that arise are all critical tasks for a Personal Driver. The Personal Driver’s employer will usually use a third party mechanic for such problems, however it is often always up to the driver to organize the mechanic’s work.

 

Cos’è un NCC

Da News Commenti Disabilitati

Cos’è un NCC

La funzione principale del servizio NCC (noleggio con conducente) è quella di fornire il trasporto ai passeggeri da un luogo all’altro. È essenziale che guidino i passeggeri in modo sicuro, confortevole e professionale, tenendo contemporaneamente traccia della navigazione, del traffico e dei tempi.

I conducenti personali possono lavorare per un’agenzia, una società o un individuo. Usano il proprio veicolo o uno fornito dal loro datore di lavoro e devono rispondere ai desideri e alle esigenze sia dei clienti.

Perché prenotare un NCC?

Da e per l’aeroporto

Il motivo principale per cui oggi si prenota un servizio di autonoleggio con autista privato è per dirigersi all’aeroporto. È un servizio fondamentale che consente di essere sempre in orario. Questo aspetto è fondamentale quando si deve viaggiare perché nessuno ha intenzione di restare a terra e perdere il volo. Anche chi atterra e vuole tornare a casa, prenota un ncc perché il servizio più affidabile e sicuro che ci sia, senza dover fare affidamento su taxi e metro che sono sistemi orami superati e con pochissime certezze.

Per le cerimonie

Moltissime volte il servizio di ncc è richiesto per partecipare a cerimonie di vario genere. Gli sposi speso richiedono un’auto a noleggio con autista privato perché è il modo più facile e semplice di arrivare in grande stile. L’auto degli sposi deve esser di lusso e grazie all’autista privato nessuno è costretto a rinunciare alla cerimonia per svolgere questo compito. Anche i genitori degli sposi spesso fano richiesta di un servizio ncc ma anche amici e altri parenti. In generale, ogni volta che c’è una cerimonia, si può richiedere questo valido servizio che è perfetto e alla portata di tutti. Si possono prenotare anche mezzi con più posti rispetto a una semplice automobile affinché sia possibile spostarsi in piccoli gruppi di persone.

Per girare la città

Il servizio ncc è disponibile in qual si voglia caso. Qualsiasi sia la singola necessità, si può sempre telefonare per prenotare un’automobile a noleggio con il suo conducente così da poter avere accesso a una serie di vantaggi imperdibili. Chi deve spostarsi in città con un certo stile, senza inganni e senza ritardi no deve far altro che affidarsi a questo servizio che è il numero uno in assoluto.

cos'è un ncc

Quali Sono i doveri di un NCC?

Doveri e responsabilità del conducente

Al fine di garantire la soddisfazione dei propri passeggeri, i conducenti personali devono guidare in sicurezza, fornire un ambiente confortevole all’interno dell’auto e spostarsi da un luogo all’altro nel modo più efficiente possibile. Abbiamo analizzato una serie di offerte di lavoro online per identificare questi principali doveri e responsabilità di Personal Driver.

  • Conoscere i luoghi e le strade
    Una componente essenziale del lavoro di un autista personale è arrivare a destinazione riducendo al minimo il rischio di sbagliare strada. Per garantire ciò, gli NCC devono sempre pianificare i percorsi, prendere nota delle possibili deviazioni e monitorare la gravità del traffico. Sebbene una serie di moderne tecnologie possa aiutare in questo, un Personal Driver deve comunque impegnarsi e ricercare per garantire che la guida sia il più fluida e veloce possibile.
  • Riuscire ad interloquire con i clienti
    Il comportamento di un NCC deve essere sempre impeccabile. Ciò significa che a seconda del passeggero, l’autista deve sempre essere gentile e sorridente durante tutto il viaggio e sapersi adattare al carattere del cliente. Inoltre, questo lavoro ti permette di lavorare con persone di qualsiasi nazionalità, dunque è importante conoscere almeno un po’ l’inglese, per non rischiare di avere difficoltà nel capire le esigenze del passeggero.
  • Manutenzione del veicolo
    Indipendentemente dal fatto che utilizzino la propria auto o un’auto fornita dal proprio datore di lavoro, gli autisti privati sono responsabili di assicurarsi che sia l’interno che l’esterno dell’auto siano sempre puliti ed esteticamente accattivanti. Ciò può comportare la lucidatura dell’esterno, la pulizia delle superfici interne o la spruzzatura regolare di deodorante per ambienti tra un viaggio e l’altro. Altrettanto importante, se non di più, è inoltre la manutenzione dei macchinari e dei componenti del veicolo. Controllare costantemente gli indicatori del carburante e del motore, portare il veicolo per la manutenzione ordinaria e affrontare prontamente eventuali problemi che si presentano sono tutte attività critiche per un Personal Driver. Il datore di lavoro del Personal Driver di solito utilizzerà un meccanico di terze parti per tali problemi, tuttavia spesso spetta sempre all’autista organizzare i lavori del meccanico.

 

No Green Pass for those who get on a taxi

05/10/2021 Da News Commenti Disabilitati

From 15 October, the green certificate verification for those who work is triggered

Catania, the obligation of the green pass also arrives at work: both in the public and private sectors. Meanwhile, the capacity in cinemas, theaters and stadiums increases after the yes of the CTS. What changes from October 15th.
Green Pass, with the publication in the Official Gazette of the decree law 21 September n. 127, the provision containing “urgent measures to ensure the safe performance of public and private work by extending the application scope of the Covid 19 green certification and strengthening the screening system” enters into force. Employees of public and private companies, as well as self-employed persons and VAT numbers, are added to health workers, doctors, school staff for whom the obligation is already in force.

The rules for the green pass from 15 October 2021 (Taxi and NCC)

There is no obligation of the Green pass for taxi customers while those who receive a plumber, an electrician or any other technician at home for a repair will not have to check if he has the certificate as “they are not employers but they are purchasing services. It is understood that they have the right to ask for the green pass “.

However, the freelancer must have the pass “when he accesses public or private workplaces to carry out his work, he is controlled by the subjects envisaged by the decree-law no. 127 of 2021. The owner of the company that operates within it it is checked by the person identified for checks within the company “.

Therefore, the government clarifies that you do not have to have a green pass to get into a taxi, therefore it is possible to travel by taxi even without having the green certification and the same applies to NCC services up to 9 seats.

Obviously, those who travel on taxis, whether or not they have a Green Pass, are always required to respect the usual rules to avoid the risk of contagion:

  • mandatory use of the mask;
  • prohibition to occupy the seat next to the driver;
  • maximum two people for each rear row of seats.

The limits on capacity can be exceeded only if the passengers are all relatives or in any case cohabiting under the same roof (circumstance to be proven with self-certification).

For their part, taxi drivers must provide for the daily sanitation of the vehicle. It is also recommended to fit partitions between the rows of seats.

 

Niente Green Pass per chi sale a bordo di un Taxi

Da News Commenti Disabilitati

Dal 15 ottobre scatta la verifica del certificato verde per chi lavora

Catania, arriva l’obbligo del green pass anche al lavoro: sia nel settore pubblico che privato. Intanto aumenta la capienza nei cinema, nei teatri e negli stadi dopo il sì del CTS. Cosa cambia dal 15 ottobre.
Green Pass, con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto legge 21 settembre n. 127, entra in vigore il provvedimento contenente “misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde Covid 19 e il rafforzamento del sistema di screening”. I dipendenti delle aziende pubbliche e private, come anche autonomi e partite IVA, si vanno ad aggiungere a operatori sanitari, medici, personale scolastico per i quali già vige l’obbligo.

Le regole per il green pass dal 15 Ottobre 2021 (Taxi e NCC)

Non c’è obbligo del Green pass per i clienti di un taxi mentre coloro che ricevono in casa un idraulico, un elettricista o un qualsiasi altro tecnico per una riparazione non dovranno controllare se ha il certificato in quanto “non sono datori di lavoro ma stanno acquistando dei servizi. Resta fermo che è loro facoltà chiedere l’esibizione del green pass”.

Il libero professionista dovrà però avere il pass “quando accede nei luoghi di lavoro pubblici o privati per lo svolgimento della propria attività lavorativa viene controllato dai soggetti previsti dal decreto-legge n. 127 del 2021. Il titolare dell’azienda che opera al suo interno viene controllato dal soggetto individuato per i controlli all’interno dell’azienda”.

Dunque il governo chiarisce che non si deve avare per forza il green pass per salire su un taxi, pertanto è possibile viaggiare in taxi anche senza avere la certificazione verde e lo stesso vale per i servizi NCC fino a 9 posti.

Ovviamente chi viaggia sui taxi, che abbia o meno il Green Pass, è sempre tenuto a rispettare le consuete norme per evitare il rischio di contagio:

  • uso obbligatorio della mascherina;
  • divieto di occupare il posto accanto al conducente;
  • massimo due persone per ogni fila posteriore di sedili.

I limiti sulla capienza possono essere superati solo se i passeggeri sono tutti congiunti o comunque conviventi sotto lo stesso tetto (circostanza da provare con autocertificazione).

Dal canto loro i tassisti devono provvedere ala sanificazione giornaliera del mezzo. È inoltre raccomandato il montaggio di paratie divisorie tra le file di sedili.

 

 

Buoni Viaggio Taxi e NCC per anziani e disabili

28/09/2021 Da News Commenti Disabilitati

La Regione Sicilia finanzierà Buoni Viaggio destinati ad anziani e disabili

Nelle ultime settimane, con precisione il 31 Agosto scorso, la Regione Sicilia attraverso un comunicato stampa della giunta regionale e dell’assessore regionale alle politiche sociali Antonio Scavone, ha affermato che a breve sarà istituito un bando con la quale verranno emanati dei voucher, sotto forma di “Buoni Viaggio”, destinati a tutte quelle persone che rientrano nella categoria di individui con ridotta mobilità, con patologie accertate o appartenenti a nuclei familiari disagiati per l’utilizzo di Taxi e/o Noleggio con Conducente. 

Il finanziamento totale, previsto dalla Regione Sicilia per le nove province siciliane, ammonta quindi a circa 2,5 milioni di euro di cui ben 450 mila euro destinati solo al comune di Catania. Questa iniziativa, spiega l’assessore Scavone, ha l’importante scopo di aiutare da un lato tutte quelle persone con impedimenti fisici o con mobilità ridotta che, come conseguenza dell’emergenza Covid, si sono viste aumentare esponenzialmente i disagi negli spostamenti, con un occhio di riguardo verso i tanti anziani che hanno delle serie difficoltà persino nel fare la spesa, mentre dall’altro lato c’è l’obiettivo di supportare un intero settore come quello dei taxi e del noleggio con conducente che ha subito un importante calo di fatturato proprio come conseguenza dell’attuale pandemia. 

Verranno altresì inclusi come destinatari dei voucher anche persone in stato di bisogno o che appartengono a quei nuclei familiari più esposti agli effetti economici negativi della pandemia. 

Il finanziamento verrà così ripartito: 900mila euro andranno a Palermo, 450 (come già accennato) a Catania, 330 a Messina, 130 ad Agrigento, 130 a Caltanissetta, 100 ad Enna, 170 a Ragusa, 210 a Siracusa e 150 a Trapani.

Adesso si attendono solamente i comunicati da parte dei Comuni capoluogo per la ripartizione dei finanziamenti. 

Fonte: Catania Today

Il Monte Etna e le sue eruzioni vulcaniche

14/09/2021 Da News Commenti Disabilitati

L’Etna e la sua attività vulcanica

L’Etna è uno dei pochissimi vulcani attivi al mondo che, nonostante la sua costante attività, risulta essere sempre (o quasi) accessibile ai turisti. A differenza del vulcano Stromboli, che ha un’attività costante ed ininterrotta all’incirca dall’epoca romana, e il Vesuvio, che alterna periodi di quiescenza – che vanno dai 3 ai 7 anni – a periodi in cui emette solamente piccole eruzioni di cenere, l’Etna è costantemente sovrastata da un pennacchio di fumo. Entra in fase di eruzione in periodi abbastanza ravvicinati tra di loro con un primo periodo di degassamento ed emissione di sabbia vulcanica, seguita da una fase di fuoriuscita di lava abbastanza fluida. 

Negli ultimi anni l’area sommitale dell’Etna tende a trasformarsi di continuo con ben cinque crateri in continua attività; il Cratere di Sud-est, il Nuovo Cratere di Sud-est, la Bocca Nuova, la Voragine e il Cratere di Nord-est. Il Cratere considerato il ”più giovane” è il Nuovo Cratere di Sud-Est, formatosi nel 2007, che negli ultimi 13 anni di attività ha avuto parecchie eruzioni e parossismi. 

Eruzione Etna 16 Febbraio 2021: l’inizio di un’intensa attività parossistica

A partire dalle ore 8,40 circa del 16 Febbraio del 2021, l’Etna si è resa protagonista di una spettacolare attività vulcanica che ha fatto decisamente parlare di sé in tutto il mondo. Questa vivace attività vulcanica ha inevitabilmente attirato l’attenzione degli addetti ai lavori, e ci si è chiesto come mai tanta energia in intervalli di tempo così ridotti tra un evento e l’altro? 

Va senza dubbio specificato che questa fase di aumento dell’attività vulcanica dell’Etna risale a vent’anni fa, dal 2000-2001, con eruzioni più esplosive che si differenziano da quelle precedenti, che erano invece più effusive. Quindi da circa 20 anni il vulcano siciliano si trova in una fase dinamicamente più esplosiva, ma solo recentemente le eruzioni si stanno susseguendo molto più rapidamente. 

Ma quale sarebbe il motivo? 

Il magma che fuoriesce sotto forma di lava dai crateri sommitali dell’Etna ha origine in profondità, a circa 30 km, in una zona della Terra allo stato fluido sulla quale galleggiano la crosta continentale e quella oceanica chiamata Mantello. Il Mantello è il serbatoio di tutto il magma dei vulcani presenti al mondo. I magmi però presentano delle caratteristiche chimico-fisiche diverse, e da queste caratteristiche dipende anche il tipo di eruzione.

Quando il magma del mantello risale attraverso la crosta può anche avvenire che rimanga intrappolato per un periodo prima di riuscire a raggiungere la superficie, ed è in questo periodo, che può variare da pochi giorni fino a molti anni, che il magma cambia la sua composizione chimico-fisica a causa dell’interazione con la roccia della crosta con cui viene a contatto, e così, arricchendosi o impoverendosi di gas, arriva ad avere connotati fisici e chimici diversi da quelli che aveva quando era ancora all’interno del Mantello.

Gli studiosi, analizzando le lave delle recenti eruzioni dell’Etna hanno scoperto che la loro composizione è primitiva, ciò significa che le lave si sono diversificate molto poco rispetto ai magmi originari del mantello. Ciò significa che il magma del mantello, in questo momento del ciclo vitale dell’Etna, riesce ad entrare molto facilmente nel sistema di alimentazione profondo e altrettanto facilmente riesce a migrare verso la superficie, sostando per poco tempo nella crosta.

Essendo quindi un percorso privo di interruzioni e con un condotto più ampio, spiegherebbe il perché di tempi così ravvicinati tra un’eruzione e l’altra. L’elevata esplosività degli eventi sarebbe invece legata a due fattori, il primo riguarda un alto contenuto di acqua dei magmi, mentre il secondo è legato all’alta velocità di risalita che non darebbe modo ai gas disciolti nel magma di disperdersi raggiungendo la superficie con un alto potenziale esplosivo.

Ricerche e studi

I ricercatori dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno recentemente fatto un’interessante scoperta riguardo il meccanismo delle eruzioni pubblicando lo studio intitolatoFlank sliding: A valve and a sentinel for paroxysmal eruptions and magma ascent at Mount Etna, Italy sulla rivista specializzata statunitense GeoScienceWorld. Le eruzioni dell’Etna, sarebbero addirittura favorite dal progressivo scivolamento del fianco orientale del vulcano verso l’area ionica che potrebbe essere alla base dell’allargamento del condotto delle bocche vulcaniche.

Vorreste dare un’occhiata più da vicino ai crateri del Monte Etna? Tutto quello che devi fare è cliccare qui e prenotare la tua escursione personalizzata alla volta del vulcano più attivo d’Europa.

Green Pass: rules from 1st September

01/09/2021 Da News Commenti Disabilitati

Mandatory green pass for those traveling from September 1st.

These are the new rules envisaged in Italy to contain the fourth wave of infections that cannot find a stop due to the no vax (it is now confirmed: nine out of 10 of those who end up in hospital have refused anti-Covid prophylaxis). With the provisions in force from Wednesday, the first day of September, the Green pass becomes mandatory for long-distance journeys. City buses are excluded, also because it would be difficult to check. But let’s see in detail how the new rules are foreseen by the decree-law of 6 August and valid until 31 December work.

FLIGHTS.

The Green pass will be mandatory on all domestic flights (from July it is required for European flights). Outside the EU, the rules change from state to state. In our country (Italy), from September the 1st, at least one dose of vaccine will be required. Or you need to be already recovered from Covid or have a certificate done in the previous 48 hours attesting to the negativity of the virus. Wearing the mask is mandatory. On airplanes, there is no limit to capacity (it is 100 percent), while on shuttles it is 80.

TRAINS.

For those who travel by train, the Green pass is not needed on regional routes, even if they travel between multiple regions. This happens because there is the possibility to open the windows. The Green pass is instead required for Intercity, Intercity Night, and High Speed. The capacity for trains, which is 50 percent until August 31, goes from September 1 to 80 percent. Except on Italo trains, which will be 100 percent, as these carriages have Hepa filters that guarantee a continuous and complete change of air in the carriage, as happens in airplanes. On fast trains, the mask can be removed for eating and drinking.

COACH BUSES.

In the case of public road service, the Green pass is required only on inter-regional routes, or when you travel, for example, with rental service with driver, except in cases where this type of transport is added to the public, says the August decree. Wearing a mask is always mandatory. Capacity to 80 percent.

CITY BUSES.

No obligation of Green pass for city buses. It remains only to understand if the Ffp2 mask will become mandatory and not just the surgical one. The Technical Scientific Committee will deal with it. The capacity will be 80 percent in the white area and perhaps it will drop to 50 in the yellow area. But it is still to be decided.

TAXI.

Also in this case, from September the 1st, people travel without a Green pass because taxis are equivalent to local public transport. Nobody will be able to sit next to the driver and the use of the mask will be equally mandatory. For cars up to 5 seats, passengers can only be two (three in case of a family).

SHIPS AND FERRIES.

For traveling by sea, the Green pass is also mandatory. Only if the connection is regional, for example, the routes from La Maddalena to Palau or from Carloforte to Calasetta and Portoscuso, the Green pass will not be required.

HEALTH ISSUES.

People who, for whatever reason, cannot get vaccinated, have the possibility to travel without the Green pass anyway, but they will have to show a medical certification that certifies the reasons for the lack of vaccine. Doctors must issue the certificate based on the provisions laid down by the Ministry of Health.

MASKS.

The obligation to wear a mask on public transport – or in any case in all closed places – does not apply to children under the age of six and to disabled people who, for some reason, cannot wear it.

Source: https://www.sardiniapost.it/

Green Pass: le regole dal 1° Settembre

Da News Commenti Disabilitati

Green pass obbligatorio per chi viaggia dal primo settembre.

Sono le nuove regole previste in Italia per contenere la quarta ondata di contagi che non trova un freno per colpa dei no vax (è ormai accertato: nove su 10 tra coloro che finiscono in ospedale hanno rifiutato la profilassi anti-Covid). Cone le disposizioni in vigore da mercoledì, primo giorno di settembre, il Green pass diventa obbligatorio nei viaggi a lunga percorrenza. Sono esclusi gli autobus cittadini, anche perché sarebbe difficile fare i controlli. Ma vediamo nel dettaglio come funzionano le nuove regole previste dal decreto legge del 6 agosto e valide sino al 31 dicembre.

AEREI.

Il Green pass sarà obbligatorio in tutti i voli nazionali (dal mese di luglio è richiesto per quelli in Europa). Fuori dall’Ue le regole cambiano da Stato a Stato. Nel nostro Paese dal 1° settembre sarà richiesta almeno una dose di vaccino. Oppure bisogna essere guariti dal Covid o avere un certificato fatto nelle 48 ore precedenti che attesta la negatività al virus. Indossare la mascherina è obbligatorio. Sugli aerei nessun limite alla capienza (è del 100 per cento), mentre sulle navette è dell’80.

TRENI.

Chi chi viaggia su rotaie, il Green pass non serve nelle tratte regionali,, anche se si muovono tra più regioni. Questo perché c’è la possibilità di aprire i finestrini. Il Green pass è invece richiesto per Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità. La capienza per i treni, che è al 50 per cento sino al 31 agosto, passa dal 1° settembre all’80 per cento. Tranne sui treni Italo, che sarà al 100 per cento, in quanto queste carrozze hanno i filtri Hepa che garantiscono un ricambio continuo e completo dell’aria in carrozza, come succede negli aerei. Sui treni veloci la mascherina si può togliere per mangiare e e bere.

PULLMAN.

Nel caso del servizio pubblico su strada, il Green pass è richiesto solo nelle tratte interregionali. oppure quando si viaggi nei pezzi adibiti a a servizio di noleggio con conducente, fatta eccezione nei casi in cui questa tipologia di trasporto è aggiuntiva rispetto al pubblico, prevede il decreto di agosto. Sempre obbligatoria la mascherina. Capienza all’80 per cento.

AUTOBUS.

Nessun obbligo del Green pass per i bus cittadini. Resta solo da capire se diventerà obbligatoria la mascherina Ffp2 e non più solo quella chirurgica. Se ne occuperà il Comitato tecnico scientifico. La capienza sarà dell’80 per cento in zona bianca e forse scenderà al 50 in zona gialla. Ma è ancora da decidere.

TAXI.

Anche in questo caso dal primo settembre si viaggia senza Green pass perché i taxi sono equiparati al trasporto pubblico locale. Nessuno potrà sedersi accanto all’autista e l’uso della mascherina sarà ugualmente obbligatorio. Per le auto sino a 5 posti, i passeggeri possono essere solo due (tre nei casi di una famiglia).

NAVI E TRAGHETTI.

Per i viaggi via mare scatta ugualmente l’obbligo di Green pass. Solo se il collegamento è regionale, per esempio le tratte da La Maddalena a Palau o da Carloforte a Calasetta e Portoscuso, il Green pass non sarà richiesto.

PROBLEMI DI SALUTE.

Le persone che, per qualunque ragione, non possono vaccinarsi, hanno la possibilità di viaggiare comunque senza Green pass, ma dovranno esibire la certificazione medica che attesta i motivi del mancato vaccino. I medici dovranno rilasciare il certificato sulla base delle disposizioni previste dal ministero della Salute.

MASCHERINE.

L’obbligo di mascherina sui mezzi pubblici – o comunque in tutti i luoghi chiusi – non si applica ai bambini con meno di sei anni e ai disabili che, per una qualche ragione, non possono indossarla.

Fonte: https://www.sardiniapost.it/

The car designed for Taxi and Rent with Driver – Mobilize Limo

31/08/2021 Da News Commenti Disabilitati

Mobilize Limo, the 100% electric sedan designed for Taxi and NCC

“In Europe, the ride-hailing market (taxi and rental with driver) is in full growth: it should reach a value of 50 billion euros in 2030, against the current 28 billion. This market should also undergo a rapid and massive electrification process ”, explain Renault. From these forecasts, “Limo” was born, the first result of the Mobilize brand, a joint-venture created between the Renault Group and the Chinese Jiangling Motors Group in 2018.

The car has been designed for the taxi service, for rentals with drivers, and is available exclusively by subscription. Mobilize Limo is the result of the joint venture created between the Renault Group and Jiangling Motors Group Co.

The engine

The electric engine – powered by a liquid-cooled, 60 kWh capacity lithium-ion battery – delivers 150hp of power and 220Nm torque, good for 0-100km/h acceleration from 9.6 seconds; while the maximum speed is limited to 140 km / h. The driver can choose between three driving modes (Eco, Normal, and Sport) and three intensity levels of regenerative braking on the vehicle’s controls.

Limo, the very first model signed by Mobilize – commented Clotilde Delbos, General Manager of Mobilize – is the answer of our new brand to the evolution of the passenger transport market.

This offering, which combines a flexible vehicle and services, demonstrates Mobilize’s full ability to accompany users to meet their new needs. It also demonstrates exclusive know-how, the result of the Renault Group’s experience in mobility services and the strength of RCI Bank and Services in financial solutions”.

auto elettrica

Features

This is a 100% electric sedan that will be available exclusively by subscription and dedicated to the taxi market and rental with drivers. 4.67 meters long, it will be presented in the world premiere at the IAA Mobility 2021 in Munich, at the Renault stand, and will guarantee an approved range of 450 km. The generous wheelbase, 2.75 meters long, ensures great roominess for rear-seat passengers, while the trunk has a volume of 411 liters.

The electric motor – powered by a liquid-cooled, 60 kWh capacity lithium-ion battery – delivers 150hp of power and 220Nm torque, good for 0-100km/h acceleration from 9.6 seconds; while the maximum speed is limited to 140 km / h. The driver can choose between three driving modes (Eco, Normal, and Sport) and three intensity levels of regenerative braking on the vehicle’s controls.

The multimedia system onboard Mobilize Limo includes the Smartphone Replication function via the central 12.3 ″ touchscreen display. “In fact, most drivers use their phones for navigation or access to platforms (Uber, for example),” they explain from Renault.

mobilize limo

Taking advantage of the fast recharge, then, you can recover 250 km of autonomy in about 40 minutes. The driving aid features include adaptive cruise control, automatic emergency braking with pedestrian recognition, lane departure warning, and lane maintenance assistance. It will be marketed with flexible packages that will include the vehicle and services for professional operators starting in the second half of 2022.

L’auto pensata per Taxi e NCC – Mobilize Limo

Da News Commenti Disabilitati

Mobilize Limo, la berlina 100% elettrica pensata per Taxi e NCC

“In Europa, il mercato del ride-hailing (taxi e noleggio con conducente) è in piena crescita: dovrebbe raggiungere un valore di 50 miliardi di euro nel 2030, contro gli attuali 28 miliardi. Questo mercato dovrebbe anche andare incontro a un processo di elettrificazione rapido e massiccio”, spiegano da Renault. Nasce da queste previsioni la “Limo”, primo frutto del brand Mobilize, joint-venture creata tra il Gruppo Renault e la cinese Jiangling Motors Group nel 2018.

La vettura è stata pensata per il serivizio taxi, per i noleggi con conducente ed è disponibile esclusivamente in abbonamento. Mobilize Limo è il risultato della joint-venture creata tra il Gruppo Renault e Jiangling Motors Group Co.

Il motore

Il motore elettrico – alimentato da una batteria agli ioni di litio raffreddata a liquido e con capacità di 60 kWh – eroga 150 CV di potenza e una coppia di 220 Nm, buoni per un’accelerazione da 0 a 100 km/h da 9,6 secondi; mentre la velocità massima è limitata a 140 km/h. Il guidatore può scegliere tra tre modalità di guida (Eco, Normal e Sport) e tre livelli di intensità della frenata rigenerativa sui comandi del veicolo.

Limo, primissimo modello firmato da Mobilize – ha commentato Clotilde Delbos, Direttore Generale di Mobilize è la risposta della nostra nuova marca alle evoluzioni del mercato del trasporto delle persone.

Questa offerta, che combina un veicolo e servizi flessibili, dimostra tutta la capacità di Mobilize di accompagnare gli utenti per soddisfare le loro nuove esigenze. Dà anche prova di un esclusivo know-how, frutto dell’esperienza del Gruppo Renault nei servizi di mobilità e della forza di RCI Bank and Services nelle soluzioni finanziarie”.

auto elettrica

Caratteristiche

Trattasi di una sedan 100% elettrica che sarà disponibile esclusivamente in abbonamento e dedicata al mercato di taxi e noleggio con conducente. Lunga 4,67 metri, verrà presentata in anteprima mondiale al Salone IAA Mobility 2021 di Monaco, presso lo stand Renault, e garantirà un’autonomia omologata di 450 km. Il generoso passo, lungo di 2,75 metri, assicura una grande abitabilità per i passeggeri dei sedili posteriori, mentre il bagagliaio ha un volume di 411 litri.

Il motore elettrico – alimentato da una batteria agli ioni di litio raffreddata a liquido e con capacità di 60 kWh – eroga 150 CV di potenza e una coppia di 220 Nm, buoni per un’accelerazione da 0 a 100 km/h da 9,6 secondi; mentre la velocità massima è limitata a 140 km/h. Il guidatore può scegliere tra tre modalità di guida (Eco, Normal e Sport) e tre livelli di intensità della frenata rigenerativa sui comandi del veicolo.

Il sistema multimediale a bordo di Mobilize Limo include la funzione Smartphone Replication tramite il display centrale touchscreen da 12,3″. “La maggior parte degli autisti utilizza, infatti, il proprio telefono per la navigazione o l’accesso alle piattaforme (Uber, per esempio)”, spiegano da Renault.

mobilize limo

Sfruttando la ricarica rapida, poi, si possono recuperare 250 km di autonomia in circa 40 minuti. La dotazione di ausilio alla guida prevede cruise control adattivo, frenata automatica di emergenza con riconoscimento dei pedoni, allerta di superamento della linea di corsia e assistenza al mantenimento della stessa. Sarà commercializzata con pacchetti flessibili che comprenderanno il veicolo e i servizi per gli operatori professionali a partire dal secondo semestre 2022.